RCI BANQUE AL TUO SOSTEGNO

DISPOSIZIONE PER LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO DELLE RATE DEI FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE.

Misure per le micro, piccole e medie imprese

(Legge 30 dicembre 2020 n. 178 recante il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023)

Al fine di contenere il perdurare degli effetti straordinari sull’occupazione, determinati dall’epidemia di COVID-19, la Legge di Bilancio 2021 ha prorogato le misure per l’accesso al credito delle Micro Imprese e PMI.

La Legge di Bilancio, in linea di continuità con le agevolazioni previste dal Decreto Cura Italia (D.L. n. 18/2020) e dal Decreto Agosto (D.L n. 104/2020), ha emanato una serie di disposizioni volte al sostegno e al rilancio dell’economia.

In particolare, all’interno della Sezione I “Misure quantitative per la realizzazione degli obiettivi programmatici” comma 248 e ss., viene prorogato il termine del 31 gennaio 2021 per la richiesta di moratoria, da parte delle Micro imprese e PMI, al nuovo termine del 30 giugno 2021.

La proroga si ritiene valida per tutte le imprese già ammesse, in virtù delle disposizioni introdotte dal Decreto Cura Italia e prorogate dal Decreto Agosto, alle misure di sostegno.

In tal caso, la proroga della moratoria opera automaticamente senza alcuna formalità, salva l’ipotesi di rinuncia espressa da parte dell’impresa beneficiaria, che dovrà pervenire al soggetto finanziatore entro e non oltre il termine del 31 Gennaio 2021.

Al contempo, possono accedere alla proroga della Legge di Bilancio 2021, alle medesime condizioni e modalità previste dall’articolo 56 del Decreto Cura Italia, sia le imprese che finora non avevano richiesto questa agevolazione o che non erano ancora state ammesse alle misure di sostegno sia le società di agenti in attività finanziaria, le società di mediazione creditizia e le società disciplinate dal Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (D.Lgs. 385/1993), effettuando la richiesta entro e non oltre la data del 31 gennaio 2021.

Come effettuare la richiesta? 

Per esercitare la facoltà di sospensione, dovrà essere fatta richiesta scritta comprensiva di autocertificazione, ai sensi dell’art. 47 DPR 445/2000, di aver subito in via temporanea carenza di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da Covid – 19, utilizzando il modulo di contatto completo di tutte le informazioni richieste. 

Moduli di contatto 

Canale di contatto per invio Moduli e Modalità di invio 

Il modulo deve essere spedito al seguente indirizzo email clienti@rcibanque.com, mediante posta elettronica ordinaria. 

Si invita ad indicare nell’oggetto della email: 

  • Il numero di contratto o targa del veicolo
  • Il codice identificativo della richiesta “DECRETOCOVID”

Per consultare come contattare il Customer Care clicca qui

DISPOSIZIONE PER LA SOSPENSIONE DEL PAGAMENTO DELLE RATE DEI FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DEI CONSUMATORI. 

Misure per i Consumatori 

DaciaFin ha previsto un modulo per la raccolta delle richieste di sospensione dei propri finanziamenti, per i clienti consumatori, aderendo alla “Moratoria COVID 19” per il credito ai consumatori di ASSOFIN – Riattivazione ed estensione del termine al 31 marzo 2021.

La sospensione dovrà essere espressamente richiesta dal titolare del finanziamento e potrà essere concessa una volta verificata la presenza delle condizioni di temporanea difficoltà sotto elencate. La sospensione riguarderà il pagamento dell’intera rata mensile, comprensiva di capitale e di interessi, e potrà avere durata massima complessiva fino a sei mesi. In accordo con il cliente, sarà possibile stabilire durate inferiori. Tutte le richieste pervenute saranno prontamente valutate e ogni cliente riceverà una risposta sia in caso di esito positivo sia negativo.

La sospensione potrà essere richiesta per finanziamenti per i quali alla data del 21 febbraio 2020 non risultassero ritardi di pagamento o per i quali non fosse intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso.

L’accoglimento della richiesta di sospensione comporterà un prolungamento del periodo di ammortamento corrispondente alla sospensione concordata (c.d. accodamento).  

BENEFICIARI

I titolari di contratti di credito ai consumatori che, come effetto dell’emergenza Covid-19, a partire da una data successiva al 21 febbraio 2020 e sino alla data ultima del 31 marzo 2021, si trovino in una situazione di temporanea difficoltà economica dovuta a: 

  • Cessazione del rapporto di lavoro subordinato (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione); 
  • Cessazione dei rapporti di lavoro “atipici” (parasubordinato) di cui all’articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione); 
  • Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali);
  • Lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano registrato nel trimestre precedente quello della domanda di sospensione una riduzione del fatturato superiore al 33% rispetto a quanto fatturato nell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività, operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus;  
  • Gli eredi che presentino le caratteristiche dianzi elencate di soggetti deceduti che avessero stipulato contratti non assistiti da polizza di protezione del credito che preveda il pagamento di un indennizzo pari al capitale residuo. 

Come effettuare la richiesta?

Per esercitare la facoltà di sospensione, dovrà essere fatta richiesta scritta comprensiva degli allegati richiesti nei moduli, utilizzando il modulo di contatto completo di tutte le informazioni. 

Moduli di contatto 

Canale di contatto per invio Moduli e Modalità di invio

Il modulo deve essere spedito al seguente indirizzo email clienti@rcibanque.com, mediante posta elettronica ordinaria. 

Si invita ad indicare nell’oggetto della email:

  • Il numero di contratto o targa del veicolo 
  • Il codice identificativo della richiesta “MORATORIACOVID”

N.B. Il massimo delle rate accordabile è sei (6); ove in precedenza il richiedente avesse già beneficiato di un periodo di sospensione delle rate concesso ai sensi della Moratoria Covid-19 Assofin, tale termine è ridotto di un numero di mensilità pari a quello della precedente interruzione dei pagamenti. Verranno prese in esame le richieste pervenute entro e non oltre il 31 marzo 2020.

Per consultare come contattare il Customer Care clicca qui.